Telegram sparisce dall’App Store. Censura o errore?

Sull’App Store le applicazioni di Telegram e Telegram X sono state rimosse. Il motivo ci ricorda la chiusura mi MegaUpload.

telegram

All’inizio era un mistero la scomparsa di Telegram Messenger dallo store della Mela. Praticamente in concomitanza con l’ufficializzazione di Telegram X, client alternativo, dalla stessa Telegram. Poi questo tweet di Pavel Durov, fondatore di Telegram e del social network VK, che sembra chiarire la situazione. O almeno in parte.

Ecco la traduzione: Siamo stati avvisati da Apple che (su Telegram) sono disponibili contenuti inappropriato per gli utenti, e quindi entrambe le app (Telegram e Telegram X) sono state tolte dall’App Store. Una volta che avremo messo in atto le dovute protezioni (per gli utenti) ci aspettiamo che l’app ritorni sull’App Store.

In pratica non si tratta di un errore, ma neanche di censura del noto servizio di messaggistica instantanea che continuerà a funzionare tranquillamente sui vostri dispositivi Apple. Ma, come già successo in altri casi si torna a parlare non del prodotto stesso, ma dell’uso che l’utenza ne può fare.

Tutta colpa dei contenuti

In pratica si punisce l’intera piattaforma per quello che succede al suo interno. A differenza di un social network come Facebook, Twitter e YouTube, che ha regole ben precise sui contenuti che possono essere caricati, i servizi di messaggistica servono per mandarsi contenuti (testo, audio, video) tra utenti, in maniera più personale e intima rispetto ad un social network, i cui contenuti sono accessibili a tutti.

telegram

Su Telegram Desktop da sempre è impossibile visualizzare certi tipi di canali

Nessuno può vietare la condivisione di contenuti VM18 nella comunicazione utente-utente. Su Telegram però la faccenda cambia lievemente perchè esistono i canali. Luoghi dove solo gli amministratori possono pubblicare contenuti che sono visibili a tutti i membri del canale.

Io uso Telegram, e non nego la loro esistenza. Amo Telegram come piattaforma perchè supera di molto il concetto di solo Instant Messaging, però spezzo una lancia a favore della motivazione che gli preclude la presenza nello store di Apple. Questi canali una volta erano difficilmente raggiungibili se non si conoscevano il nome o l’@indirizzo. All’interno di canali simili è normale pratica quella di sponsorizzarsi a vicenda. Ma molto più spesso capita ormai di trovarsi sponsorizzazioni di canali VM18 su canali di sconti, offerte, gaming, notizie e molti altri. Questo per me è sbagliato. Perchè benché la loro esistenza non mi faccia né caldo né freddo, la loro divulgazione in canali non idonei non mi piace affatto.

Altri casi simili

Prendere di mira una piattaforma per (parte dei) contenuti al suo interno è pratica comune purtroppo. Il caso più grande che mi viene in mente è Mega Upload. Il noto sistema di cloud storage che fu usato spessatamente per caricare prodotti coperti da copyright come musica e film. Il sito fu chiuso e il nuovo sito MEGA usa come precauzione la scritta “non caricare file che non sono di tua proprietà“. Un po’ come dire “in questo parco non puoi calpestare l’erba, ma tanto non c’è nessuno che ti controllerà mai“. In quel caso io pensai subito che anche su altre piattaforme quali Dropbox, Box, Google Drive, Microsoft OneDrive, fosse possibile fare lo stesso ma non furono chiuse. Magari Mega Upload era la più utilizzata, ma penalizzare chi utilizza in maniera consona uno strumento a causa di pochi mi ricorderà sempre le note di classe prese a causa dei soliti noti.

Alla stessa maniera oggi si penalizzano gli utenti di Telegram, come se su WhatsApp, Line, WeChat, Messenger non fosse possibile scambiarsi materiali VM18.

Questa faccenda, ripresa da questo altro tweed di Pavel Durov, conferma ciò che ho appena espresso.

Noi usiamo Telegram per svago e come strumento di divulgazione dei nostri articoli e delle nostre offerte. Molte altre persone come noi utilizzano lo strumento Telegram in maniera consona. NON dobbiamo pagare TUTTI per il comportamento di POCHI.

Via


Vi aspettiamo nel box dei commenti.

Se non vuoi perderti nessuna offerta presente su Amazon segui il nostro canale Telegram PianetaOfferte.

Antonio Piattelli

Scritto da

Appassionato di tecnologia, curioso di provare tutte le novità che ha da offrirmi questo mondo...

Potrebbero interessarti....