Autonomia triplicata grazie alle batterie a stato solido.

ORMAI IL MONDO DELLE BATTERIE È IN COSTANTE AUMENTO, CERCANDO DI OTTIMIZZARE SEMPRE DI PIÙ  L’AUTONOMIA.

Inutile dire che l’autonomia sia uno dei primi aspetti che si verifica nel momento dell’acquisto di un nuovo terminale. Ma quante ore di schermo? Ci arriva fino a sera? E sotto stress come si comporta?

Beh, grazie ai ricercatori universitari Texani guidati dal buon vecchio John Goodenough, hanno fatto un’importantissima scoperta in questo campo. Infatti si parla di una batteria a stato solido. Che cosa significa sostanzialmente?

autonomia

Iniziamo col dire che ci sono vari punti vantaggiosi conseguenti alla scoperta. Quì sono indicati i fondamentali:

  • La triplicazione della capacità di una batteria odierna, garantendoci enorme autonomia.
  • Sebbene la capacità aumenti, la batteria non risentirà di aumenti drastici di volume.
  • Inoltre, la batteria disporrà di una carica notevolmente più veloce di quella attuale.
  • Nel campo della sicurezza, invece, le batteria saranno enormemente più stabili. Infatti si garantisce un tasso di “esplosioni” che rasenta lo zero. Tutto ciò è stato reso possibile grazie all’uso di elettroliti di vetro che eviteranno corto circuiti.

Insomma, niente più rischio di esplodere a kamikaze come un Galaxy Note 7!

autonomia

Ovviamente, tali batterie non saranno utilizzate esclusivamente nella realizzazione di smartphone.

Infatti i ricercatori dichiarano che questo tipo di invenzione potrà applicarsi ovviamente ai Computer portatili, ma sopratutto a una causa molto importante. Si parla addirittura dell’uso nel campo automobilistico. 

Questo potrebbe significare una grandissima rivoluzione nel campo Green, poiché le automobili potrebbero aver a disposizione molta più batteria in uno stesso volume. Inoltre la ricarica di queste ultime sarà molto più rapida e meno dispendiosa.

In conclusione, l’inventore delle batterie agli ioni di litio John è riuscito ancora a sorprenderci, nonostante la sua veneranda età di 94 anni. Merito anche sopratutto della sua formidabile squadra di ricercatori sicuramente!

Intanto noi attendiamo in fremito l’arrivo di questa tipologia di batterie nel mercato degli smartphone.

 

Via

 

 

 

Potrebbero interessarti....

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento. Leggi di più Accetto