3 Mesi senza Jack audio sarà un addio per tutti gli smartphone?

Sembra sia passato un secolo eppure è solo 4 mesi fa che Apple ha presentato al mondo gli ultimi arrivati della gamma iPhone: iPhone 7 e 7 Plus. Sin dai primi rumors entrambi i dispositivi hanno suscitato negli utenti un mix di emozioni contrastanti per via della presunta assenza del jack audio da 3.5mm, mancanza definitivamente confermata qualche mese dopo, il 9 Settembre 2016, in vista della presentazione ufficiale.L’azienda di Cupertino non è stata la prima ad azzardare una mossa del genere, nel panorama Android ci aveva già pensato Motorola col suo Moto Z dotato di un’unica porta tuttofare: la USB Type-C.

“Dalla foto si capisce bene quanto può essere ingombrante il jack”

 

Quello che però Apple riesce a fare è far discutere ed è solo con iPhone 7 che la questione del jack ha iniziato a spargersi tra le discussioni degli utenti di tutto il globo, dal semplice utente a quello più esperto, ha movimentato le acque e dato lo scossone che serviva per indurre al cambiamento, nel bene o nel male. Prendete un prodotto diffuso su larga scala, un’ampia cerchia di utenti fidelizzati o interessati, introducete un cambiamento importante e/o sostanziale ed ecco la ricetta perfetta per un argomento che potrà essere soggetto di dibattito di molti.

 

 

Sia chiaro, usare un paio di cuffie jack o lightning alla fine dei conti non stravolge le cose: semplicità e modalità di utilizzo sono le stesse. Bisogna però sapersi adattare ed è solo così che mi sono reso conto di una cosa importante: abbiamo già tutto ciò che serve per non sentire la mancanza del jack.

Le cuffie diventeranno smart?

L’uso del lighting o il wireless renderà l’accessorio più intelligente, perché in entrambi i casi il telefono può passare dati diversi dall’audio. Come altri produttori, Bose ha già presentato degli auricolari Bluetooth che misurano il battito del cuore, e le stesse AirPods hanno sensori di movimento. Vedremo se questa possibilità verra sfruttata.

 

Siamo pronti a dire addio al jack da 3.5mm? Decisamente sì, ciò a cui forse non siamo ancora totalmente pronti è il saper affrontare la transizione traducendo una difficoltà in un problema o in un’opportunità per fare qualche altro passo verso il futuro.

Voi amici di www.Pianetasmart.it avete acquistato di recente delle cuffie wireless o avete avuto modo di provare i nuovi IPhone 7 e 7Plus senza Jack audio? Esperienza positiva o negativa?

 

 

Scritto da

Amante della Tecnologia in generale, soprattutto del mondo Apple. Appassionato di Computer.

Potrebbero interessarti....

  • rsMkII

    Sinceramente, con un adattatorino minuto sempre attaccato alla cuffia potrei anche abituarmici, ma la questione è un’altra: 1 porta in meno significa meno libertà di interazione in generale. Ad esempio non si può attaccare lo smartphone alla corrente mentre si ascolta la musica (spesso sul treno mi sono trovato a usare un powerbank mentre ascoltavo la musica, tanto per dire; ora ho risolto con un Redmi 4 Pro che ha batteria illimitata XD). Insomma il problema sarebbe iniziale, più che altro, quando ancora l’equilibrio “cuffie in commercio/adattatori in giro” non si fosse ancora raggiunto. 🙂

    • Francesco

      Premetto che non ho l’iPhone 7 o 7plus perciò non ho ancora provato la difficoltà o meno di 1 sola porta. Secondo me Apple ha avuto un idea geniale anche perché ho letto un po’ nei vari Blog che con ascolto tramite lightning le cuffie suonano meglio perché vanno in digitale invece che analogico!

      • rsMkII

        Ma deve essere analogico per andare ai driver della cuffia! 🙂

      • FedeC6603Z

        emh emh, il segnale arriva digitalmente fino a 5 mm o meno fuori dal telefono. poi c’è un magico DAC che trasforma il segnale digitale in analogico, come è sempre stato, e questo scorre lungo il cavo fino alle cuffie

        • Francesco

          Quando si utilizza la connessione Lightning, i produttori di cuffie possono sfruttare il processore integrato da Apple in grado di offrire un segnale digitale di maggiore qualità e una migliore conversione digitale-analogico (DAC). Questo permette all’amplificatore di avere un suono più profondo e pieno. Le cuffie tradizionali, invece, devono fare affidamento solo a ciò che l’iPhone riesce a fare con i ppropri circuiti analogici.

  • Hoyz

    Va bene, togliete pure il jack. Mettete due porte però, stronzi.

    • Hoyz

      Che poi, va bene un cazzo.

  • Riccardo274

    Io non capisco quale sia questa “”innovazione””, è bello rimpersi la bocca delle solite parole, mentre non si capisce di coaa si sta parlando madonna santa. L’innovazione sarebbe togliere una possibilità al cliente? Oppure l’innovazione sarebbe mettere il jack nei mcbook, toglierlo dall’iphone, fare un paio di cuffie wireless, un paio lightning, e per il mcbook in ambito professionale devi usare un terzo paio di cuffie. Continuate (un “voi” generico) a farvi prendere per il sederino. Comunqie se nel nuovo iphone metessero DUE tipe-c andrebbe già meglio. Type c OVUNQUE e tutto viene risolto, certo il passaggio sarà doloroso e vorrei un effettivo riscontro che con type-c ci saranno dei netti miglioramenti a livello audio.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento. Leggi di più Accetto