La quantità può far rima con qualità? Focus sulla politica commerciale di Xiaomi

Quali preferite tra le due?

Xiaomi presenterà a breve il Redmi Note 4x. Per molti ciò può essere visto come l’ennesimo phablet medio gamma della casa cinese. Vorrei però prendere l’imminente presentazione di questo device come spunto per una piccola riflessione.

1 – Meno device ma meglio supportati nel tempo

Xiaomi sta lanciando tanti forse fin troppi device a distanza di brevissimo tempo l’uno da l’altro.Ciò nell’utente ormai abituato al ritmo di produzione della casa cinese può essere visto come una cosa positiva. Ma mettetevi per un attimo nei panni dell’utente medio.
Quell’utente abituato ad una line-up ben definita, e ritmi di upgrade di un dispositivo a cadenza annuale e ad aggiornamenti software mensili nel breve/lungo periodo (magari a quelli di un iPhone).

E questo porta ad una domanda molto importante. Meglio avere un’ampia gamma di dispositivi oppure concentrarsi sulla qualità degli stessi?

Qualità intesa non solo come qualità costruttiva ma anche con supporto tramite aggiornamenti software costanti nel lungo periodo

OnePlus ha fatto scuola su questo, presentando massimo due dispositivi all’anno ma aggiornando quest’ultimi costantemente nel tempo. OnePlus 2, presentato a metà 2015, riceverà nel corso del primo trimestre 2017 l’aggiornamento ad Android 7.0 Nougat.

2 – Continui update hardware portano confusione nell’utente finale

Xiaomi sembra aver intrapreso la strada opposta. Ad inizio 2016 ha presentato il Redmi Note 3 Pro. Tre mesi dopo presenta il Redmi Note Pro per poi presentare quattro mesi dopo il Redmi Note 4.
Ed ora tra poco più di una settimana ecco che è pronto ad essere lanciato sul mercato il Redmi Note 4x, evoluzione del precedente modello.
Ciò significa che la casa cinese ha fatto uscire ben 4 versioni del suo phablet medio gamma nel giro di un anno. Questo porta confusione nell’utente medio che vede cambiata per ben quattro volte in un anno la line -up di un dispositivo.

3 – Device lasciati a se stessi con versioni di Android ormai obsolete

Ma se questa politica di lancio di nuovi prodotti a distanza di breve tempo, porta all’immissione di tanti device nel mercato (e di conseguenza ad una vasta scelta), come sarà il supporto software nel tempo?
Discontinuo e spesso toccherà a sviluppatori ti terze parti occuparsene (MIUI Italia su tutti).
Vedi l’abbandono di update software dello Xiaomi Mi5 (dato il lavoro per il futuro aggiornamento a Nougat), vedi diversi device che, seppur aggiornati all’ultima versione della MIUI, sono fermi a Lollipop.

E voi cosa ne pensate? Continuereste tale politica se foste nei panni di Xiaomi?
Vi aspettiamo nel box dei commenti.

Alberto Signorini

Scritto da

Ferrarista dal cuore viola fin dalla nascita, appassionato di tecnologia sopratutto di tutto ciò che gira intorno al mondo del robottino verde.

Potrebbero interessarti....

  • rsMkII

    Spero che cambino presto strategia. Mi ricordo il Mi4, rimasto top di gamma per molto tempo, capace di mantenere quell’aria da “top” a lungo. Preferirei che ci fosse per la serie Redmi la stessa cadenza della serie superiore (Mi 4-5-5s) ossia annuale o al limite semestrale, ma ben definita.

    • L’update sul Mi 5 ci stava, ma non puoi sformare 4 device alle fine pressoché uguali nelle specifiche in un solo anno

    • guerz86

      Ne escano troppi bastaaaaaaaaaa

  • Gark121

    oneplus come esempio di supporto nel tempo non è granchè coerente per altro… oneplus x aggiornato 1 volta, secoli in ritardo, e poi addio. oneplus 2 LOL.

    tornando a xiaomi, ha presentato probabilmente una ventina di device in un anno, per coprire 4/5 fascie di prodotto.
    E’ assurdo, e i problemi che hanno avuto sono diretta conseguenza di questa politca. già samsung ha dimostrato che esagerare non è un approccio vincente, era necessario copiare anche questo? io non credo.

    • Oneplus X é stato abbandonato non tanto per lo sviluppo in se ma per il fatto che OnePlus ha deciso di abbandonare proprio a livello anche di continuità la linea appena creata. Ovvio che il OnePlus 2 sia passato un po’ in sordina dato l’uscita sul mercato del 3 e del 3T.

      • Gark121

        Cioè, fammi capire, non è uscito un OnePlus x2 e quindi era normale abbandonare il primo dopo mezza release rilasciata secoli in ritardo e disattendendo le loro stesse promesse più e più volte?

        OnePlus 3 è uscito un anno dopo il due, che è uscito un anno dopo l’uno. Bene, one ha avuto marshmallow prima di one plus two, che lo ha avuto dopo la totalità dei top suoi coetanei e pure la maggior parte dei top dell’anno precedente. Se questo è un supporto modello, francamente non so quale potrebbe essere un supporto inadeguato.

  • Rollo Funebre

    Io voglio fare un appello a xiaomi , per cortesia fate uscire meno smartphone perché altrimenti guerz prende l’esaurimento a testarlo tutti , per non parlare del lato economico di sto povero ragazzo che deve comprare mille mila modelli per restare competitivo nei confronti dell’architetto.
    Grazie xiaomi

  • Antonello Scarnera

    Adoro xiaomi e adoro MIUI , c’è da dire. Che a discapito di tutto xiaomi fatta eccezione per qualche modello ( vedi mi mix) ha dei prezzi veramente super super super competitivi , ho preso alla mia ragazza un Red mi 4 pro ( o High edition )
    3-32 snap625 batteria 4000mph , che dire ragazzi per quello che l’ho pagato fa semplicemente paura , è esteticamente bellissimo ma bellissimo d’avvero , costruito da dio tutto metallo massiccio , reattività e fluidità da top di gamma cioè sta dietro a mi5 stesso ed è più veloce di molti blasonati insomma è un dio in questo per la sua fascia di prezzo ? Batteria ? Imbarazzante quanto sia performante , 9 ore di schermo non glie leva nessuno , col mio One plus 3 se ne faccio la metà mi sento gasato … Insomma io dico che mantenere prezzi così competitivi è un must anche se rimanesse con android 6 questo Red mi 4 pro sarebbe fantastico comunque , però no non sono d’accordo. Neanche io sulla questione device … Veramente troppe e troppe versioni dello stesso telefono … Chi ha preso mi5 appena uscito su è visto mi 5S mi 5S pro ecc… Ora non so quanti ma dopo nulla ti ritrovi con uno smartphone “vecchio” e non è cosa…

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento. Leggi di più Accetto