“MP3 è morto”, affermano i suoi creatori.

Il più diffuso codec audio negli archivi di qualsiasi telefono, PC o lettore multimediale è dato già morto. Scopriamo insieme il perché.

Il Fraunhofer Institute for Integrated Circuits ha deciso di terminare il supporto al formato mp3.

La scelta, drastica quanto giustificata, è data dal fatto che ormai esistono codec migliori per immagazzinare le stesse informazioni occupando meno spazio d’archiviazione.

Un esempio può essere l’AAC, formato sviluppato da Apple, che riesce a sorpassare l’mp3 in rapporto qualità/quantità di dati da occupare.

E’ una sconfitta ammessa quella di Bernhard Grill (manager di Fraunhofer), che l’AAC adesso è uno standard di fatto.

Dal sito ufficiale si può infatti leggere la dichiarazione ufficiale dell’azienda al riguardo, dopo ben 22 anni di storia.

Gli stessi 22 anni in cui la ricerca psicoacustica (ovvero il modo in cui il cervello recepisce e lavora le informazioni sonore) si è evoluta. L’mp3 si basava su dati parecchio vecchi, passando adesso come codec obsoleto.

E’ comunque lui che ha fatto nascere uno dei giri di pirateria più grandi dagli anni ’90 ad oggi: il download illecito di una quantità industriale di brani al solo costo di pochi MB per traccia.

Ma è sempre mp3 che ha permesso la creazione del mercato “buono” della musica: milioni di artisti hanno potuto contare sul supporto dell’acquisto digitale da parte dei buoni consumatori informatici.

Con l’annuncio di cui si parla in quest’articolo si affermerà quindi il termine del supporto ufficiale dai creatori del codec verso il codec, e quindi la trasformazione in licenza open source del prodotto.

In poche parole, mp3 è ormai in “abandonware“.

Lo stesso è accaduto con il formato GIF, il quale piuttosto che perdere popolarità ne ha acquisita a monti: le migliori app di messaggistica istantanea, durante l’anno passato, han fatto lotta nel supportarlo per prime.

Ed è quindi con onore che salutiamo il fedele servitore. Grazie mp3. Forse adesso sarà meglio passare a FLAC…

Fonte

Manfredi Guarisco

Scritto da

Scoprendo il mondo della tecnologia, dei videogiochi e della buona musica con la sua prima console Playstation e Wipeout 3, rimane fedele ai principi cardine della sua infanzia. In ambito cosplay e gaming è conosciuto con lo pseudonimo di "AlisGelida".

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento. Leggi di più Accetto