Primi test per un server con CPU AMD Naples

Architettura Zen anche in ambito server

Dopo il lancio sul mercato della nuova famiglia di CPU AMD Ryzen 7, l’azienda fornisce informazioni anche sulla nuove CPU AMD Naples.

Le CPU Ryzen sono basate su architettura Zen che però non è solo destinata solo all’ambito PC desktop ma anche ad altri ambiti come i datacenter.

AMD è stata capace di di guadagnare diverse quote di mercato già nel passato con la famiglia Opteron anche se negli ultimi anni la presenza sua presenza in questo segmento è quasi pari a zero.

L’azienda vuole invertire la rotta con la famiglia Naples, dedicata appunto all’ambito server e di cui l’azienda fornisce oggi qualche informazione in più ed alcuni test.

Le CPU Naples verranno messe in commercio in versioni sino a un massimo di 32 core per socket, abbinati a tecnologia SMT così da poter processare sino a 64 threads in parallelo contemporaneamente.

Non sono state fornite ulteriori informazioni a riguardo ma è possibile ipotizzare che vengano proposte anche versioni con minor numero di core , ma con frequenza di clock superiore .

AMD Naples

Una delle peculiarità riguarda il controller di memoria integrato in ogni CPU: si tratta di un’architettura a 8 canali, speculare in questo senso a quanto offerto dalle CPU Ryzen che abbinano ad 8 core un controller memoria a 2 canali.

Un design di questo tipo permette di ottenere una bandwidth della memoria per ogni socket estremamente elevata, abbinato a un controller PCI Express integrato capace di gestire sino ad un massimo di 128 linee per ogni processore.

Inoltre i processori Naples vantano sulla carta una bandwidth massima teorica superiore del 122% rispetto alla concorrente Intel.

AMD Naples

Affiancando due processori Naples sulla stessa scheda madre AMD mette a disposizione, con le versioni top di gamma, sino a 64 core con la possibilità di gestire 128 thread contemporanei.

In occasione dell’evento di presentazione delle CPU Ryzen 7, AMD ha eseguito la prima dimostrazione pubblica delle CPU Naples confrontandole con processori Intel Xeon E5. Non ha fornito però indicazioni specifiche sulla versione CPU da lei usata, se non che sia una declinazione con 32 cores per socket.

I sistemi sono stati configurati in modo simile, con le principali differenze date dalla frequenza di clock della memoria (2.400 MHz per la soluzione Naples, 1.866 MHz per quella Intel Xeon) e dal quantitativo complessivamente installato (512 Gbytes per il sistema Naples e 384 Gbytes per quello Xeon).

Primi test dei nuovi processori Naples

AMD Naples

Il primo test, con un sampling di 1 miliardo di dati e 10 iterazioni, ha visto il sistema AMD primeggiare in misura netta con un tempo di 18 secondi contro i 35 secondi della soluzione Intel. Per questo primo test i due sistemi sono stati configurati in modo identico, abilitando quindi 22 core per socket nella CPU AMD e diminuendo la frequenza di clock della memoria sino a 1.866 MHz.
AMD Naples

Il secondo test è stato effettuato nelle stesse condizioni, sfruttando però tutti i 32 core per socket e la memoria alla frequenza di default 2.400 MHz. Il processore Naples è stato  2,5 volte più veloce della piattaforma Intel.

AMD Naples

Il terzo test è stato eseguito ampliando di 4 volte i dati sample ed ha visto di nuovo primeggiare il processore AMD in un tempo 4 volte superiore al primo test; per la controparte Intel non è stato possibile completare l’operazione in quanto la memoria di sistema a disposizione è risultata insufficiente.

Questi test dimostrano, con test specifici, un netto vantaggio per la piattaforma AMD Naples rispetto a quella Intel Xeon. Difficile però immaginare un comportamento che ne rappresenti la norma, ma è evidente che le scelte architetturali di AMD paiono vincenti.

Riguardo al debutto ufficiale di Naples ne sapremo di più nel secondo trimestre e vedremo se confermeranno il margine di vantaggio che stanno dimostrando sulla concorrenza.

Via Hardware Upgrade

Scritto da

Definito Lo Nerd fino dalla tenerà Età, negli anni ho fatto della mia passione un lavoro, la tecnologia è tutto il mio mondo e proprio da questo nasce PianetaSmart.itGoogle+

Potrebbero interessarti....

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento. Leggi di più Accetto