Recensione OnePlus 3 – il numero perfetto?

Lo abbiamo voluto da subito, lo abbiamo comprato e lo abbiamo testato, non stavamo più nella pelle e finalmente siamo pronti per recensire l’ultimo nato di casa OnePlus, l’ormai celeberrima StartUp che nel 2014 portò sul mercato il suo primo “Flagship Killer”.

Recensione OnePlus 3OnePlus 3 nonostante la giovanissima storia del suo costruttore è già un telefono definibile “rilancio”, il 2015 infatti non è stato molto fortunato per la sussidiaria di OPPO e le aspettative per OnePlus 3 sono molto alte, sarà stat solo fortuna quella del 2014? Assolutamente no e lo scopriremo insieme in questa recensione!

OnePlus 3

Recensione OnePlus 3

Prezzo 399€
Dimensioni152.7 x 74.7 x 7.4 mm
Peso 158 grammi
SIM Dual SIM, Nano SIM
DISPLAYTipoOptic AMOLED
Dimensioni 5.5″
Risoluzione 1080 x 1920 Full HD ( 401 dpi )
Multitouch Si
Protezione Corning Gorilla Glass 4
PiattaformaOS Android 6.0.1 Marshmallow Oxygen OS
Chipset Qualcomm Snapdragon 820
CPU Dual-Core Kryo a 2,15 GHz +
Dual-Core Kryo a 1,6 Ghz
GPU Adreno 530
MemoriaEspansioneNo
Interna64 GB , RAM 6 GB
FotocameraPrincipale 16 Megapixel f/2.0 , Dual Flash LED, OIS
Caratteristiche Touch focus, Pip, HDR, Panorama, sensore 1/2,8″
Video2160p@30fps, 720p@120fps, Auto HDR
Camera Frontale 8 Megapixel f/2.0
ConnettivitàWi-Fi a/b/g/n/ac, Wi-Fi Direct, DLNA
Bluetooth 4.2
GPS A-GPS, Glonnas
NFCSi
Radio No
USB Micro USB 2.0 Type-C
Sensori impronte digitali
Batteria 3000 mAh

 

Unboxing e Prime Impressioni

Non starò qui a ripetervi quanto già espresso benissimo dal nostro Emanuele Guerz86 e vi rimando quindi alla lettura del suo unboxing personale.

OnePlus 3 Unboxing

Personalmente parlando però fra le mie prime impressioni ho notato sicuramente una cosa, la mancanza della finitura Stand Stone se non come cover(bruttina) accessoria, non posso descrivere tutto questo come un difetto ma come un enorme dispiacere personale, reputavo infatti il Sand Stone una ficata.

Costruzione e Materiali

Dimenticatevi la SandStone, il marchio di fabbrica di OnePlus è ormai un lontanissimo ricordo relegato a semplice( e anche bruttino) accessorio. OnePlus 3 offre un design totalmente nuovo per la casa Cinese ma non nuovo in assoluto, costruito interamente in metallo e con linee molto più “morbide” che in passato.

Recensione OnePlus 3Il frontale ospita la novità degli ultimi mesi, un vetro Gorilla Glass 2.5D che regala un ottimo senso sia estetico che di protezione, e dal punto di vista estetico non cambia poi molto rispetto al passato. La vera novità è dietro con un design che ricorda, forse troppo, quello visto sul Huawei Mate S dell’anno scorso con una lieve strizzatina d’occhio ai nuovi LeEco 2016.

Recensione OnePlus 3Anche se non originalissimo OnePlus 3 è veramente molto bello da vedere, da toccare, ed anche ergonomico nonostante le dimensioni.

Dotazione Hardware

Come ogni Flagship Killer che si rispetti, anche questa generazione di OnePlus non poteva rinunciare ad una scheda tecnica paurosa, non manca praticamente nulla se non la radio FM e altre piccolezze, ma per 399€ è già un piccolo miracolo avere tutto questo ben di dio.

Recensione OnePlus 3Ovviamente il processore alla base di OnePlus 3 è il Qualcomm Snapdragon 820, SOC Top di gamma del produttore Californiano e che ormai abbiamo imparato a conoscere molto bene. Il resto della dotazione nasconde luci ed ombre con le luci che sono tutte “sulla carta” e le ombre che si nascondono nella gestione di queste risorse sopratutto la RAM.
Troviamo poi 64 GB di memoria interna non espandibile 6 GB di memoria ram(gestita male e lo vedremo dopo), una fotocamera posteriore da 16 Megapixel su base Sony IMX 298, una fotocamera frontale da 8 Megapixel, un display Optic AMOLED da 5.5″ Full HD, un sensore di impronte digitali frontale ed una batteria da 3000 mAh.

Display

Dopo 2 generazioni di LCD ed un piccolo esperimento con un AMOLED su OnePlus X l’azienda Cinese deve aver capito che la sua UI si sposa perfettamente con la tecnologia OLED ed ecco che OnePlus 3 porta in dote un display “organico”.

Recensione OnePlus 3Leggendo recensioni e pareri prima di avere tra le mani OnePlus 3 mi sarei aspettato uno scenario disastroso sotto questo punto di vista ma assolutamente non è così, sarà che adoro l’effetto della Oxygen OS su un pannelo AMOLED ma personalmente parlando il display è veramente bello, e sopratutto luminoso per essere un AMOLED.
Il pannello è fabbricato da Samsung per conto di OnePlus seguendo le sue specifiche ed effettivamente la qualità si vede tutta, per i puristi del Top del Top forse la risoluzione Full HD “sa di vecchio” ma vi posso assicurare che messo di fianco ad un Galaxy S6/S7 e tarandoli in maniera simile le differenze sono minime.

Recensione OnePlus 3Molto buona la leggibilità sotto la luce del sole, non siamo a livelli di mostri sacri come il Galaxy S7 o il vecchio Xperia Z3 di Sony ma OnePlus 3 si difende veramente benissimo, il trattamento oleofobico è molto buono e non dovrete combattere con le scie di unto quando userete il telefono all’aperto.

photo_2016-06-25_18-56-27 photo_2016-06-25_18-56-34
Finita la piccola analisi “tecnica” passiamo ora alle sensazioni, come già visto su OnePlus X a Dicembre l’effetto generale a mio avviso è divino, la UI sembra studiata apposta per questo tipo di pannello e si nota ad esempio nelle impostazioni con lo sfondo nero e la scritte/tasti colorati ad effetto evidenziatore.

Prestazioni e Benchmark

OnePlus ci ha abituati bene sotto questo punto di vista, il primo One fu un successo anche per merito delle prestazioni eccellenti, il Two non fu così fortunato anche per colpa dello Snapdragon 810. Prendendo in esame il precedente modello infatti mi viene in mente la navigazione internet non proprio eccelsa a causa della CPU, OnePlus infatti faceva “spegnere” i Core A57 e le prestazioni ne risentivano parecchio quando si utilizzava il browser.

Recensione OnePlus 3OnePlus 3 fortunatamente ha un processore molto più fresco e certi problemi non si sono assolutamente presentati in fase di test, inizialmente  però ci siamo abbastanza preoccupati per le temperature. Dopo il primo avvio ed il setting iniziale infatti OnePlus 3 scaldava parecchio, controllando con CPU-Z le temperature erano veramente altissime ma fortunatamente è stata una fase passeggera, nei giorni seguenti non abbiamo più sentito il telefono diventare rovente.

Recensione OnePlus 3La costruzione totalmente metallica di OnePlus 3 serve anche a dissipare il calore della CPU e dei componenti interni, il telefono diventa caldo, ma non troppo, ma le temperature interne rimangono sempre sotto controllo segno dell’ottimo lavoro ingegneristico di OnePlus.

Fatte le dovute premesse possiamo dirvi senza troppi giri di parole che OnePlus 3 è letteralmente un fulmine nonostante la pessima gestione dei 6 GB di Ram, il telefono ricarica spesso le applicazioni in background ma è comunque velocissimo nel farlo quindi “all’uso” uno si accontenta. E’ anche vero però che con 6 GB sotto il cofano uno esiga e pretenda un multitasking spintissimo, cosa che purtroppo col firmware originale non avviene.

Vi lasciamo come sempre una tabella relativa ai punteggi nei benchmark di OnePlus 3 ed uno screen di AndroBench per la velocità delle memorie.

Recensione OnePlus 3 Recensione OnePlus 3 Recensione OnePlus 3 Recensione OnePlus 3

  • AnTuTu Benchmark : 140268
  • Geekbench Single-Core : 2329
  • Geekbench Multi-Core : 5515
  • Basemark OS : 2189

Software e UI

OnePlus One arrivò sul mercato due anni fa con a bordo una versione dedicata della famosissima Cyanogen Mod, chiamata Cyanogen OS per l’occasione, le cose purtroppo andarono male tra le due realtà e il matrimonio fra OnePlus e CM durò poco finendo malissimo, proprio per questo motivo nacque l’esigenza di crearsi in casa la propria versione di Android.

OnePlus 3 arriva con a bordo Hydrogen od Oxygen OS in base al mercato di provenienza, nel nostro caso vi parleremo di Oxygen OS 3.1.2 su base Android 6.0.1 Marshmallow.
Oxygen OS ha un estetica molto simile a quella di Android in versione stock ma ha molte più possibilità e personalizzazioni sia estetiche che di uso.

photo_2015-08-23_15-21-10 photo_2015-08-23_15-21-16photo_2016-06-25_18-51-36
photo_2015-08-23_15-21-24Tantissime le funzionalità aggiunte che vanno dalle più classiche gesture come il tap2wake/tap2sleep fino ad arrivare a veri e propri “disegni” per accedere a funzionalità quali la musica a display spento.
Molto interessante la “Shelf” che va a sostituire Google Now e ci permette di organizzare attività e gestire le app più usate in unica schermata.
Lato estetico potremmo invece scegliere fra un tema scuro o chiaro personalizzando il tutto con una decina di colori diversi, ma non finisce quì avremo infatti a disposizione di default la possibilità di cambiare temi ed icon pack, difficile che questo prodotto vi stufi.

Menzione d’onore per il sensore di impronte digitali frontale, a differenza di altri prodotti è infatti “Always ON” e vi basterà appoggiarci il dito in ogni situazione per sbloccare il telefono e bypassare la schermata di sblocco, il sensore oltre a funzionare in questo modo è anche maledettamente preciso e veloce, fa quasi paura.

photo_2016-06-25_18-51-27 photo_2016-06-25_18-51-33 photo_2016-06-25_18-51-39
Come detto in precedenza Oxygen OS fa della personalizzazione il suo punto forte, potrete ad esempio scegliere se utilizzare i tasti a schermo o i pulsanti capacitivi con un semplice click, similmente a come avviene su Cyanogen OS. I pulsanti capacitivi sono comunque programmabili, volendo potrete invertire “indietro” e “multitasking” oppure assegnargli dei comandi specifici.

photo_2016-06-25_18-51-24 photo_2016-06-25_18-51-17 photo_2016-06-25_18-51-21

Navigazione Internet promossa a pieni voti, il browser è sempre fluidissimo anche in situazione molto difficili o su siti come quello del Corriere noto per essere molto “faticoso” da digerire per i dispositivi mobili.

Multimedia e Fotocamera

Così come OnePlus One e Two anche in questo 3 è stata posta molta enfasi sul lato multimediale, audio e fotocamera sono di buonissimo livello anche se non a livelli dei Flagship che questo 3 dovrebbe “uccidere”.
La fotocamera principale è da 16 Megapixel, sensore Sony IMX 298, con flash dual tone e messa a fuoco ibrida, non è presente l’autofocus Laser che avevamo su OnePlus 2, che aiutano a fare dei buoni scatti che però sono appunto “solo” buoni, non aspettatevi grandissime cose da questa fotocamera che si comporta bene in tutte le occasioni ma potrebbe forse fare qualcosa di più, ottima la stabilizzazione ottica che evita il micromosso tipico delle camere cellulari, vi lasciamo comunque con una galleria di scatti provenienti da OnePlus 3 per poter giudicare voi stessi.

OnePlus 3

Foto con e senza HDR

Recensione OnePlus 3Molto buono invece l’audio del dispositivo, chiaro e pulito oltre che molto forte e personalizzabile, nessun problema sia nell’ascolto in cuffie che tramite la cassa(mono) del terminale, non abbiamo mai avuto problemi a sentire una chiamata in arrivo anche in posti affollati.

Ricezione e Parte Telefonica

Avendo tra le mani un dispositivo “ufficiale” e con Globale vi diciamo da subito che la fantomatica Banda 20 LTE è presente, almeno a giudicare dai vari foglietti illustrativi e sul sito del produttore stesso.

Recensione OnePlus 3Detto questo OnePlus 3 non è definibile un vero campione di ricezione anche se comunque il suo lavoro di Telefono lo fa egregiamente, molto buono lo switch a caldo delle 2 sim così come la gestione delle stesse.
In zone con poco campo la ricezione di OnePlus 3 è altalenante, non è il classico dispositivo che aggancia sempre il segnale anche quando è poco “ingannandovi” ma lo perde facilmente per poi riprenderlo in seguito, questo processo è sempre abbastanza rapido e difficilmente vi lascia isolati.

Nulla da dire sulla qualità in chiamata, buona senza cose particolari da dire.

Autonomia

Così come per il display, anche l’autonomia ci ha spaventati in senso negativo a sentire i vari pareri per la rete ma la prova sul campo si è dimostrata totalmente diversa. E’ anche vero che 3000 mAh nel 2016 per un dispositivo che ha un display da 5.5″ sono effettivamente pochini rispetto alla concorrenza che monta batterie più generose ma nonostante la batteria piccina OnePlus 3 si comporta comunque bene.

Recensione OnePlus 3Con un utilizzo normale come telefono principale abbiamo sempre visto le 5 ore di display a fine a giornata e siamo sempre tornati a casa con ancora un pochino di mAh a disposizione. Molto probabilmente con una batteria da 3600 mAh come quella di Galaxy S7 Edge si sarebbe potuto fare sicuramente di più e 5 ore nel 2016 non sono sicuramente un miracolo, ma da qui a definire “disastroso” questo telefono come ho letto da altre parti ce ne passa.

Nota del redattore:
Arrivati a questo punto mi viene da pensare a 3 scenari, o i telefoni che le case mandano in test hanno seri problemi, OnePlus 3 è solo l’ultimo provato con risultati molto differenti a quanto letto in giro, o il mio utilizzo che definisco “pesante” non è così pesante o ancora peggio il 95% della stampa mondiale prova a culo i prodotti? Mi scuso per questa piccola digressione personale ma può essere un ottimo spunto di riflessione.

Conclusioni

Siamo quindi giunti alla fine di questo viaggio alla scoperta di OnePlus 3, il nuovo “Flagship Killer” che va a cambiare molto la filosofia di design(pur non inventando assolutamente nulla di nuovo) e a rinunciare all’ormai storica Sand Stone cover posteriore. OnePlus 3 non cambia solo lato estetica ma anche lato hardware, dimenticatevi la versione “povera”, oltre che praticamente inutile, da 16 GB e godetevi l’unica versione disponibile da 64 GB di memoria.

Recensione OnePlus 3Prima di provare questo dispositivo abbiamo letto di tutto e di più ed eravamo veramente preoccupati da quello che avremmo potuto trovarci fra le mani ma a parte il “problema”, comunque molto fastidioso, della gestione della RAM tutto il resto ce lo siamo lasciato alle spalle. OnePlus 3 è un telefono con i controcoglioni che forse non eccelle veramente in nulla ma che riesce a fare bene praticamente tutto. Un aspetto che davvero ci ha colpiti positivamente è la qualità audio davvero fuori parametro, sopratutto in cuffia.

Per un prezzo di 399€ di listino è effettivamente considerabile un Bestbuy, sopratutto visto il deciso passo indietro di OnePlus sulla chiusura a riccio lato software, se vi piace smanettare è molto probabile che entro pochissimo tempo le pagine di XDA o chi per esso saranno belle piene di Rom e modifiche varie da poter utilizzare su OnePlus 3!

Scritto da

Definito Lo Nerd fino dalla tenerà Età, negli anni ho fatto della mia passione un lavoro, la tecnologia è tutto il mio mondo e proprio da questo nasce PianetaSmart.itGoogle+

Potrebbero interessarti....

  • Hoyz

    Facessero una versione usabile a una mano, potrebbe essere un degno sostituto del mio z3c (che per ora non ha ragione di preoccuparsi di nulla LOL)

    • se sti cinesi si degnassero di considerare noi orfani di compact(tu sei ancora fortunato ad averlo sano xD ) sarebbe un mondo fatto di persone belle

      • guerz86

        Onplus X lolllll

        • mettere Opx e Z3c nella stessa conversazione è un insulto alle batterie umane

      • Hoyz

        Meanwhile, una sgroppata sulle palle me la faccio…

  • che a sua volta è un Xperia P rivisto e corretto…. mondo di plagiatorih! xD

  • Yuto Arrapato

    domanda, da non fan della ricarica rapida.
    se usassi un carica classico amazon basics + cavetto da usb a type c, rischierei di rovinare la batteria o semplicemente si ricaricherebbe con più calma?
    grazie.

    • la seconda che hai detto, semplicemente si carica “piano” senza nessun tipo di differenza sostanziale se non il tempo

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento. Leggi di più Accetto