Trump: “Incentivi ad Apple per produrre negli USA”

E’ noto da tempo, ormai, che i rapporti tra il neo Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la casa di Cupertino non siano mai stati così semplici, ma un piccolo riavvicinamento potrebbe esserci con la proposta formulata ad Apple negli ultimi giorni.

I primi scontri tra Trump ed Apple avvennero a partire dal 2014, quando a suo parere l’azienda produceva smartphone con schermo troppo piccolo, ammettendo chiaramente la sua preferenza verso la diretta concorrente Samsung, capace di produrre pannelli più grandi e di maggiore qualità.

Venendo più ai nostri giorni, nel febbraio scorso, Trump ha puntato il dito contro il CEO di Apple, Tim Cook, reo di non aver concesso l’accesso ai dati contenuti all’interno dell’Iphone 5C, appartenente al fautore della strage di San Bernardino. Per arrivare poi, ad un fatto puramente politico, dato che Cook si è apertamente schierato contro il partito Repubblicano, durante le ultime elezioni presidenziali americane.

L’obiettivo di Trump, ora, è quello di voler riportare la produzione dei prodotti Apple, sia smartphone che computer in America, come aveva annunciato nel corso delle campagne di partito, nei mesi precedenti le elezioni.

adf9941fe9bbd7ba27e4b3ea8cf33143

Durante un’intervista al New York Times, Trump ha raccontato di aver ricevuto una telefonata di cortesia dallo stesso Cook, nella quale, il Presidente ha ribadito al CEO i propri desideri in tema di “ri-nazionalizzazione” dei processi produttivi, proponendo a Cook una serie di incentivi ed una riduzione delle tasse qualora l’azienda fosse disposta ad accettare tale proposta.

Bisogna però, non trascurare quelli che potrebbero essere i rischi e che comprometterebbero tale ipotesi come ad esempio il costo del lavoro troppo alto che porterebbe all’innalzamento dell’intero processo produttivo, a cui si aggiungerebbe una logistica da riprogettare completamente.

Perciò, Trump ha rilanciato preannunciando una forte deregulation nell’economia americana. Starà ad Apple decidere se avrà voglia di rimettere in discussione la propria struttura organizzativa e produttiva accettando le proposte del nuovo presidente.

Potrebbero interessarti....

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento. Leggi di più Accetto