WikiLeaks

WikiLeaks shock: La CIA ci spia usando Iphone, smartphone e Tv

Wikileaks annuncia su Twitter di aver pubblicato migliaia di documenti che secondo l’organizzazione fondata da Juliane Assange provengono dal Center for Cyber Intelligence della CIA.

 

 

WikiLeaks è un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro che riceve in modo anonimo, grazie a un contenitore (drop box) protetto da un potente sistema di cifratura, documenti coperti da segreto (di Stato, militare, industriale, bancario) e poi li carica sul proprio sito web. WikiLeaks riceve, in genere, documenti di carattere governativo o aziendale da fonti coperte dall’anonimato.

 

Wikileaks ha diffuso migliaia di documenti riservati della CIA su un programma di “hackeraggio”, attraverso un arsenale di malware e di cyber-armi.
Con tali strumenti la CIA sarebbe in grado di controllare i telefoni di aziende americane ed europee, come l’iPhone di Apple, gli Android di Google e Microsoft, e persino gli SmartTV Samsung, utilizzandoli come microfoni segreti.

Nello specifico le tecniche di sorveglianza sono divenute sempre più complesse, il programma ‘Weeping Angel’ della Cia è di sicuro la più emblematica afferma Wikileaks.
Il programma infesta le smart TV, trasformandole in microfoni segreti: le TV attaccate vengono messe in modalità Fake Off dal programma Weeping Angel, in modo che il proprietario pensi che la TV sia spenta. Nella modalità ‘Fake Off’ (finto spento) la tv registra le conversazioni nella stanza e le invia al server della Cia.

WikiLeaks

Oltre alle SmartTv anche gli stessi smartphone subiscono, da parte della CIA, importanti manipolazioni.
L’esame di questi documenti ha permesso di individuare, tra le altre cose, un catalogo completo di sistemi realizzati dai tecnici della CIA o ottenuti da altre agenzie investigative con l’obiettivo di manipolare tutti gli apparati di telecomunicazione più diffusi.
A partire dagli smartphone, che vengono hackerati e trasformati in una sorta di “macrospia”, trasmettendo immagini, suoni e informazioni. Un’unità specializzata ha creato diversi malware per penetrare i modelli di Apple, sia telefoni che iPad, e catturare così ogni tipo di dati.
Un’altra invece si è dedicata a smartphone dotati di sistema operativo Android, come i modelli di Samsung, Sony e Htc, penetrati grazie a 24 diversi software di spionaggio.

 

WikiLeaks mette in guardia dai pericoli che possono derivare da questi armamenti elettronici: “La diffusione incontrollata di questi strumenti, che scaturisce dalla difficoltà di arginarle e contemporaneamente dal loro grande valore di mercato, è paragonabile al commercio internazionale di armamenti”.

 

Siamo davanti a pura cronaca da film o siamo effettivamente osservati e ascoltati da vari servizi segreti??

 

Fonte

 

 

Scritto da

Amante della Tecnologia in generale, soprattutto del mondo Apple. Appassionato di Computer e fotografia. Ho sempre un occhio vigile alle ultime novità nel campo del mobile.

Potrebbero interessarti....

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento. Leggi di più Accetto