WipEout Omega Collection mostra la potenza di PS4 Pro, come ha fatto per le precedenti

La collana di giochi in esclusiva Playstation che ha da sempre cercato il massimo per dare ancora di più. Oggi vi raccontiamo la storia di WipEout.

Settembre 1999, Psygnosis rilascia l’ultimo capitolo di WipEout disponibile per Playstation One, nonché il terzo.

WipEout 3 è un gioco che viene particolarmente ben visto dai maggiori enti di critica (IGN 9.1).

Sempre il suddetto capitolo è stato uno dei primi a girare in Alta Risoluzione (720 x 480) con massima stabilità sulla vecchia Playstation 1.

 

Giugno 2017, tre gruppi di sviluppatori rilanciano i capolavori WipEout HD/Fury e 2048, nonché gli ultimi disponibili.

Entrambi i giochi sono stati ben visti dalla critica (IGN rispettivamente 9 e 7, forse su 2048 c’era troppa acqua).

La collezione in questione è la prima in assoluto a girare in 4K Nativo HDR a 60 FpS senza alcun calo di frame. Letteralmente.

 

Sono passati ben 18 anni da quando la serie WipEout è stata concentrata per lo sviluppo esclusivo su Playstation, senza peccare in alcuna console per le quali è stata pubblicata.

L’intera collana è da sempre riconosciuta come unica, se non migliore nel suo genere: corse anti-gravitazionali balistiche, con una fisica di guida realisticamente percepibile già dai primi giochi.

Pioniera sia nell’innovazione che nei contenuti proposti capitolo per capitolo, lo è stata sempre anche per le capacità grafiche e prestazionali offerte.

E come da tradizione, ecco il ritorno della serie di nicchia che riesce sempre a dare un ché di senso alla più recente console Sony disponibile all’acquisto: Playstation 4 Pro.

 

Dalla recente analisi di Digital Foundry è chiara l’assenza totale di frame drop, assieme alla dichiarata “noia” del dipendente, vista la perfezione tecnica del gioco non ha avuto proprio nulla da criticare.

La domanda dei più pignoli potrebbe essere: “Mantiene i 60 FpS anche a velocità estreme?

Ebbene, la risposta è un secco Si. Vi parlo anche per esperienza personale, visto che ho trovato molto difficile abituarmi ad una stabilità e fisica ad alta velocità migliorata rispetto alle versioni PS3 e PSVita.

Per darvi un esempio pratico, ecco un gameply registrato da chi vi sta scrivendo in quest’articolo.

 

In definitiva, spendere 200 euro in più per godere di una risoluzione da ben 8 milioni di pixel nativa dipende dalle attrezzature che già disponete.

Il gioco gira molto bene anche a 1080p, anche sulla versione Standard di PS4.

Al momento le performance di PS4 Pro sono riconoscibili dall’occhio più raffinato, ma col “nuovo” WipEout potrebbe iniziare un piccolo periodo d’oro per la console più potente di Sony.

Fonte (1) | Fonte (2) | Esperienze in prima persona


Vi aspettiamo nel box dei commenti.

Se non vuoi perderti nessuna offerta presente su Amazon segui il nostro canale Telegram PianetaOfferte.

Manfredi Guarisco

Scritto da

Scoprendo il mondo della tecnologia, dei videogiochi e della buona musica con la sua prima console Playstation e Wipeout 3, rimane fedele ai principi cardine della sua infanzia. In ambito cosplay e gaming è conosciuto con lo pseudonimo di "AlisGelida".

Potrebbero interessarti....

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento. Leggi di più Accetto