Xiaomi Redmi 3 Recensione

Mentre tutto il mondo è in fermento per la presentazione di Xiaomi Mi5, non dobbiamo dimenticare che Xiaomi in questo 2016 ha già sfornato 2 terminali veramente interessanti nella fascia media e nella fascia bassa di mercato.

Xiaomi Redmi 3 recensioneParleremo oggi di Xiaomi Redmi 3, il piccolo di casa Xiaomi che reinventa la fascia bassa del produttore e sfida la fascia bassa di mercato in generale, la rivoluzione però parte da Xiaomi stessa perchè Redmi 3 porta nel regno dei telefoni economici del produttore tutta una serie di caratteristiche che alzano di molto l’asticella della qualità, non soltanto materiali e chip ma anche un paio di chicche davvero interessanti.

Xiaomi Redmi 3

xiaomi-redmi3-gray_0_1_500x500_3b590

Prezzo147€
Dimensioni139.3 x 69.6 x 8.5 mm
Peso144 g
SIMDual SIM
DISPLAYTipoIPS LCD
Dimensioni5 Pollici
Risoluzione1280 x 720 HD
Multitouchsi
ProtezioneCorning Gorilla Glass 4
PiattaformaOSAndroid OS 5.1 (Lollipop) Con MIUI
ChipsetSnapdragon 616
CPUOcta-Core Cortex A53 a 1.5 GHz
GPUAdreno 405
MemoriaEspansioneMicro SD
Interna16 GB
2 GB Ram
FotocameraPrincipale13 MP, f/2.2 , dual-LED flash
Caratteristichegeo-tagging, touch focus, face/smile detection, panorama, HDR
Video1080p@30fps,
Camera Frontale5 MP, 1080p
ConnettivitàWi-FiWi-Fi 802.11 a/b/g/n, dual-band, DLNA, WiFi Direct, hotspot
Bluetoothv4.0, A2DP, EDR, LE
GPSSi, with A-GPS, GLONASS, BDS
NFC
RadioFM radio
USBmicroUSB v2.0, USBOTG
Sensori
Batteria4100 mAh

 

Unboxing

Xiaomi cambia tutto, dimenticatevi le solite box di cartone riciclato e date il benvenuto a delle scatole più “complesse”. La confezione di vendita mostra in bella vista Xiaomi Redmi 3 in tutte le colorazioni ed al suo interno troveremo lo stretto indispensabile per utilizzare il nostro telefono.

Xiaomi Redmi 3 recensione Xiaomi Redmi 3 recensione

Costruzione e Materiali

Se guardiamo indietro alla serie Xiaomi Redmi possiamo notare un enorme cambiamento prima ancora di toccare con mano e accendere Redmi 3, la costruzione ed i materiali sono davvero di una galassia migliori di quelli visti fino ad oggi in questa serie.

Xiaomi Redmi 3 recensioneCome già successo con Xiaomi Redmi Note 3, anche con Redmi 3 perdiamo una caratteristica molto importante per alcuni, non possiamo infatti aprire il vano batteria per poterla sostituire al volo, ne guadagniamo però una da ben 4100 mAh.

Tornando al retro di Redmi 3 facciamo i complimenti a Xiaomi per aver costruito un telefono proprio carino, la copia esatta in miniatura di Xiaomi Redmi Note 3 ma con una novità estetica, la superficie della back cover ha infatti una trama “diamantata” che regala un fell davvero carino sia alla vista che al tatto.

Xiaomi Redmi 3 recensioneDiscorso diverso per frontale e frame laterale, prendete quelli di Redmi Note 3 e rimpiccioliteli, sono esattamente identici anche nella disposizione dei tasti laterali, l’unica vera differenza risiede nel led di notifica, su Xiaomi Redmi 3 è posto sotto il tasto Home e a nostro avviso è davvero una idea interessante e “diversa”.

Dotazione Hardware

La serie Xiaomi Redmi, almeno da Xiaomi Redmi 1S, è sempre stata mossa da chip Qualcomm serie 4xx, con Redmi 3 vediamo per la prima volta un salto di qualità che porta un cambiamento non indifferente. Xiaomi Redmi 3 è mosso infatti da un chip Qualcomm Snapdragon 616, piccola evoluzione del 615 che ha mosso davvero tantissimi telefoni nel 2015.

Xiaomi Redmi 3 recensioneSnapdragon 616 è un chip di fascia media con ottime prestazioni, Octa-Core Cortex A53 con una frequenza di Clock di 1.6 GHz accompagnato da una GPU Adreno 405 perfetta per muovere i “pochi” pixel del pannello da 5″. Il resto delle caratteristiche comprende 2 GB di memoria RAM, un display da 5″ HD 1280 x 720, 16 GB di memoria espandibile via Micro SD, una fotocamera posteriore da 13 Megapixel ed una frontale da 5 Megapixel, muove il tutto l’enorme batteria da 4100 mAh.

Display

In un mare di dispositivi Cinesi che hanno display da 5.5″ trovarne ogni tanto uno da 5″ che meriti davvero è sempre una piacevole sorpresa. Questo è il caso di Xiaomi Redmi 3 con in suo display da “soli” 5″ HD che sembra perfetto per gestire la MIUI.

Il display, come già ampiamente detto, è un pannello da 5″ con risoluzione HD 1280 x 720 basato su tecnologia LCD IPS, niente di unico e mai visto ma comunque un display che per la fascia di prezzo di Xiaomi Redmi 3 riesce a regalare emozioni.

Xiaomi Redmi 3 recensioneBuonissimi contrasti e luminosità massima, un pochino meno buona la calibrazione della temperatura colore di fabbrica ma non è un problema, possiamo infatti settare a nostro piacimento il tutto per rendere il bianco davvero bianco. La buona luminosità massima ci permette senza problemi di vedere i nostri contenuti anche sotto luce diretta del sole.

Prestazioni e Benchmark

Nel 2015 Qualcomm non ha molto azzeccato la sua prima mandata di processori e gli smartphone provati con Snapdragon 615 non hanno mai “entusiasmato” come la scheda tecnica dovrebbe suggerire, proprio per questo motivo nasce Snapdragon 616 che va a limare qualche piccolo problema di calore alzando anche l’asticella delle prestazioni grazie ad un clock massimo di 1.7 GHz rispetto a 1.5 GHz di Snapdragon 615. Tutto il resto del processore rimane pressochè invariato e troveremo ad attenderci un Octa-Core Cortex A53 affiancato da una GPU Andreno 405, più che sufficiente per muovere tutti i pixel del display anche nelle situazioni peggiori come un gioco pesante.


Di seguito i punteggi riportati nei nostri benchmark, sono esclusi dal computo Basemark Os II e Browsermark per un incompatibilità col browser del terminale.

  • Antutu Benchmark : 33789
  • Geekbench Single-Core : 685
  • Geekbench Multi-Core : 3001

Software e UI

Tornando alla recensione non abbiamo poi molto da dire, la MIUI è famosissima ormai e supportata da circa un centinaio di dispositivi diversi anche non Xiaomi. MIUI V7 su Xiaomi Redmi 3 è semplicemente una scheggia, merito sia dell’ottimizzazione Xiaomi che dell’hardware rivisto e corretto rispetto ai modelli precedenti , nei nostri giorni di utilizzo come telefono principale non è successo un solo crash di un applicazione e mai, ripetiamo mai, un singolo lag anche durante operazioni pesanti come il passaggio fra varie applicazioni diverse in poco tempo, se cambiate spesso tema potreste notare qualche rallentamento, ma non ci sentiamo di definirlo un problema.

photo_2015-09-19_14-16-04 photo_2015-09-19_14-16-07 photo_2015-09-19_14-16-10
Acquistando uno Xiaomi Redmi 3 non avrete quindi fra le mani un buon hardware, ma avrete anche un software completissimo, piaccia o non piaccia la MIUI è davvero completa sotto tutti i punti di vista, ottima l’integrazione delle funzioni di Lollipop con l’eleganza tipica MIUI, gli affinamenti grafici fanno il loro dovere e amalgamano bene tutti i pezzettini.
photo_2015-09-19_14-16-20 photo_2015-09-19_14-16-23 photo_2015-09-19_14-15-31
A Xiaomi va il merito di non essersi “piegata” agli standard del Material Design di Google rimanendo comunque coerente con le versioni precedenti della MIUI anche con questa V7, se usate Xiaomi da tempo vi sentirete “a casa”. Una chicca davvero interessante riguarda il led di notifica impostabile a piacimento, il led non è posto come al solito nella parte alta del fronte vicino ai sensori ma esattamente sotto il tasto Home.

Multimedia e Fotocamera

Xiaomi ha sempre stupito in positivo nel lato multimediale e con Xiaomi Redmi 3 non delude assolutamente le nostre altissime aspettative.

Screenshot_2014-12-21-07-25-46_com.miui.player
Il lettore musicale di Xiaomi funziona molto bene, si integra perfettamente con UI e Lockscreen rendendo proprio un piacere ascoltare musica con lo smartphone , sia dalla cassa altoparlante che dalle cuffie, a filo o bluetooth. Cassa audio molto potente ma nonostante questo non gratta in praticamente nessuna situazione, una piacevolissima sorpresa rovinata solo dal cattivo posizionamento della stessa, mettendo il telefono col display rivolto in alto la cassa verrà “tappata molto facilmente” alla stessa maniera di quanto visto su Xiaomi Redmi Note 2, non parliamo poi dell’ascolto in cuffia, Xiaomi ha studiato vari settings in base alle cuffie usate per garantire il migliore ascolto possibile, la cosa bella è che i settings funzionano davvero e non sono solo meri orpelli grafici od effetti placebo.
Funzioni accessorie del lettore degne di nota sono la possibilità di modificare le info di un brano e poi trovare le copertine in automatico, per chi come noi è fanatico delle copertine è davvero un ottima aggiunta.

photo_2016-02-27_13-54-26La fotocamera è stata a dir poco una piacevole sorpresa, vista la fascia di prezzo ci aspettavamo sicuramente meno di quanto abbiamo visto, il sensore da 13 Megapixel con autofocus ibrido è velocissimo nel catturare l’immagine anche in condizioni sfavorevoli ed il risultato finale sono ottime foto. Promosso quindi anche in questo frangente questo piccolo gioiellino.

Ricezione e Parte Telefonica

Xiaomi Redmi Note 2 era, oltre che un ottimo smartphone, un grandissimo telefono e ci chiedevamo se Xiaomi Redmi Note 3 fosse all’altezza del predecessore nonostante la scocca in alluminio storicamente nemica delle onde radio. La risposta è comunque un SI, Xiaomi Redmi 3 prende benissimo in tante situazioni, ottimo lo switch fra le reti e la qualità della capsula auricolare, forse un pelo più bassa rispetto a come ci aveva abituati Xiaomi di solito.

photo_2016-02-27_13-54-51

Autonomia

Chip di fascia media, display da soli 5″ e con pochi pixel ed una batteria da 4100 mAh, tecnicamente potremmo non scrivere nulla e capireste da soli che siamo di fronte ad un vero campione in campo autonomia.

photo_2016-02-27_13-54-34

Xiaomi Redmi 3 ha una durata veramente ottima, se non siete abituati benissimo con il vostro attuale telefono sotto questo fattore potreste esclamare più volte “è infinito!” ed avreste anche ragione. Non siamo sui livelli mostruosi di Asus Zenfone Max ma ci avviciniamo davvero tantissimo, non ci dilungheremo molto se non per dirvi che abbiamo visto quasi 10 ore di display.

Considerazioni finali

Eccoci arrivati alla fine di questa recensione, un articolo che non ha trovato un solo difetto in questo Xiaomi Redmi 3 nonostante il suo prezzo molto basso.
Xiaomi ci ha abituati bene è indubbio, ogni suo telefono riesce ad avere qualcosa di “unico” che faccia parlare di se, nel caso di Xiaomi Redmi 3 è l’autonomia il vero punto di forza e l’ago della bilancia.

photo_2016-02-27_13-54-41La cosa che ci è piaciuta maggiormente di Xiaomi Redmi 3 è il mix fra dimensioni e grandezza della batteria, su un 5″ fa davvero piacere trovare finalmente un produttore che osa mettendo una batteria sovradimensionata, il risultato è strabiliante e Xiaomi Redmi 3 potrebbe essere il “muletto” perfetto da portarsi sempre dietro perchè non vi abbonda mai con la sua batteria da 4100 mAh ed allo stesso tempo lo Snapdragon 616 spinge veramente bene in ogni situazione.

Scritto da

Definito Lo Nerd fino dalla tenerà Età, negli anni ho fatto della mia passione un lavoro, la tecnologia è tutto il mio mondo e proprio da questo nasce PianetaSmart.itGoogle+

  • Pozzoi

    Ciao, innanzitutto complimenti per il nuovo sito.
    Mi scuso se sono fuori argomento ma vorrei un consiglio da voi esperti. Cosa mi consigliate tra Redmi note 3 pro, Letv x500 e Zuk z1. Tre smartphone stupendi, non top di gamma ma che sanno il fatto loro.
    Grazie e auguri per la nuova avventura

    • guerz86

      Intanto benvenuto tra noi, allora la scelta non è facile.
      Zuk Z1 sicuramente lo devi prendere se ami la Cyano…Note 3 pro il più performante lato ludico vista la nuova GPU … X500??? Mi aspettavo di più … Non c’è stata la scintilla almeno per me.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento. Leggi di più Accetto