Recensione Honor V8

Huawei sta piano piano diventando uno dei più forti player del settore mobile a livello mondiale, un successo ampiamente meritato frutto di un accelerata non indifferente degli ultimi 2 anni in praticamente tutti i campi.

Leggi la nostra recensione di Honor 8

Recensione Honor V8Uno dei tanti “colpi di genio” del produttore Cinese è stato quello di lanciare, nel 2013, un brand parallelo in tutto e per tutto ma con un occhio di riguardo ai prezzi. Nasce così Honor che con il primo prodotto chiamato Honor 3 ad Agosto 2013 porta sugli scaffali(digitali) dei veri top di gamma a prezzi abbordabili.

Honor 8 presentato ufficialmente!

Il successo del brand Honor è andato a solidificarsi negli anni, dopo Honor 3 arrivò Honor 6, seguito da Honor 7 nel 2015. L’equazione è rimasta la medesima in tutti questi anni, creare una sorta di “clone” dei propri stessi Top di gamma, in questo caso la serie P di Huawei, e venderli ad un prezzo minore sfruttando la vendita diretta Online. Parliamo oggi dell’ultimo nato del sub-brand, Honor V8 è un prodotto che a questo giro non è un semplice clone di Huawei P9 ma è molto di più.

Honor V8

id507946_1

Prezzo4/32 GB 428€
4/64 GB 489€
Dimensioni157 x 77.6 x 7.8 mm
Peso 170 g
SIM Single/Dual-Sim
DISPLAYTipo IPS LCD
Dimensioni 5.7″
Risoluzione1080 x 1920
2560 x 1440
Multitouch Si
Protezione
PiattaformaOS Android 6.0.1 con Emui 4.1
Chipset HiSilicon Kirin 950/955
CPUQuad-core 2.3/2.5 GHz Cortex-A72
Quad-core 1.8 GHz Cortex A53
GPU Mali-T880 MP4
MemoriaEspansione Micro SD fino a 128 GB
Interna 32/64 GB
FotocameraPrincipale Dual 12 MP, f/2.2, 27 mm,
autofocus ibrido, dual-LED flash
Caratteristiche 1.25 µm pixel size, geo-tagging, touch focus, HDR, panorama
Video 1080p@60fps, 1080p@30fps, 720p@120fps
Camera Frontale 8 MP, f/2.4, 1080p
ConnettivitàWi-Fi Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, dual-band
Bluetooth V4.2
GPS A-GPS, GLONASS/ BDS
NFC Si
Radio No
USB Type-C 1.0
Sensori Impronte Digitali, Infrarossi
Batteria 3500 mAh

 

Unboxing

L’anno scorso, con l’arrivo di Honor 7, Huawei fece una di quelle cose che solitamente definiamo “una figata”. Praticamente il box di vendita di Honor 7 si trasformava in uno stand/cassa artigianale, una sorpresa davvero carina e che evitava di relegare la scatola a semplice involucro del telefono.
honor7_05
Quest’anno con Honor V8 Huawei si è spinta addirittura oltre! Il box di vendita del nuovo Top di gamma Honor diventa infatti un Cardboard, all’interno della confezione troverete infatti i fori e le lenti per trasformare la scatola in un visore per realtà virtuale, una delle ficate migliori che abbiamo visto negli ultimi anni!
Il resto della confezione contiene i classici accessori che si trovano su un top di gamma, cuffie ecc.

Costruzione e Materiali

Parlando di Huawei/Honor ci si deve aspettare ormai una certa qualità costruttiva, qualità che non manca assolutamente a bordo di questo Honor V8. Se non contiamo Honor 3 già da Honor 6 nel 2014 Huawei aveva iniziato ad andarci giù pesante, il Top di gamma del 2014 era un clone spudorato di iPhone ma era maledettamente ben costruito, sopratutto se consideriamo il prezzo di vendita!

photo_2016-06-03_01-22-46Honor V8 è praticamente un Mate 8 in miniatura, a mio avviso con un impatto estetico superiore a quello di Huawei P9. Costruito interamente in metallo e con un vetro 2.5D sul fronte Honor V8 da un enorme senso di “premium” una volta impugnato fra le mani, un touch and feel sicuramente superiore a Honor 7 dell’anno scorso.

Recensione Honor V8L’unica nota negativa la abbiamo per le dimensioni ed il retro, a differenza di Mate 8 che è “ruvido” questo Honor V8 è praticamente lucido e questo non aiuta molto l’ergonomia, consigliamo una cover in silicone perchè viste le dimensioni potrebbe seriamente rischiare “la vita” Honor V8 e scivolarvi fra le mani!

Dotazione Hardware

Iniziamo subito col dirvi che le cose qui si fanno interessanti, storicamente Huawei si produce i chip in casa e più precisamente attraverso una sua controllata dal nome HiSilicon. Fino all’anno scorso i Kirin, nome commerciale dei chip Huawei, non erano propriamente considerabili dei Top di gamma, pensiamo ad esempio al Kirin 930/935 a bordo di Huawei P8 e Honor 7 che offrivano una potenza simile a quella di uno Snapdragon 615. Le cose sono cambiate verso la fine del 2015 con l’arrivo di Huawei Mate 8 e del suo Kirin 950.

Recensione Honor V8Kirin 950 è infatti un signor SOC che integra al suo interno processori Cortex A72, dei veri mostri di potenza e base per praticamente tutti i Soc top di gamma del 2016(Exynos 8890, Snapdragon 820). Il risultato è che il Kirin 950(in questo caso 955) spinge veramente tantissimo e riesce a garantire prestazioni che gli Huawei passati possono solo sognarsi.

Parleremo dopo di quello che questo Soc può offrire ma vi diciamo già da subito che viene sfruttato molto meglio rispetto a quanto visto sul P9.

Il resto della dotazione comprende 4 GB di memoria RAM, 32 o 64 GB di memoria espandibile, una doppia fotocamera da 12 Megapixel, sensore di impronte digitali posto sul retro, un display da 5.7″ Full HD o QHD a seconda della versione, chiude il cerchio una fotocamera frontale da 8 Megapixel.

Display

Nonostante i proclami di Huawei relativi alla risoluzione, anche il brand Cinese si è dovuto piegare al mercato per abbracciare la risoluzione QHD. La scelta, a detta di Honor/Huawei, è dettata dal fatto di voler entrare a gamba tesa nel mercato nascente della VR(realtà virtuale) dove un maggior numero di pixel è vitale per evitare l’effetto “zanzariera”.

Recensione Honor V8Honor V8 è il primo dispositivo Huawei a debuttare con uno schermo a risoluzione QHD(2560 x 1440 pixel) ma attenzione, solo la variante da 64 GB di memoria ha questo pannello, quella da 32 GB monta un più “umano” Full HD.

Recensione Honor V8Parliamo ora di questo display LCD IPS da 5.7″ e vi diciamo subito che l’effetto WOW è assicurato, davvero un ottimo pannello(il nostro è Full HD) che non ci fa rimpiangere i suoi diretti contendenti di fascia alta. Colori calibrati molto bene di fabbrica, anche se si può impostare a piacere la temperatura, ed un ottimo contrasto lo rendono un ottimo compagno d’avventure anche in situazioni estreme.

Recensione Honor V8La EMUI 4.1 si sposa molto bene con il display, come ormai da tradizione Huawei, anche se forse visto il tema di default un AMOLED sarebbe stato a dir poco perfetto, ma non ci possiamo assolutamente lamentare. La risposta al dito è meravigliosa, ai livelli di Mate 8 e ben superiore a Huawei P9, e tutti i contenuti e le azioni scorreranno liscissime sotto i vostri polpastrelli.

Prestazioni e Benchmark

Provando Huawei Mate 8 all’inizio dell’anno mi ero trovato di fronte al primo telefono Huawei che, se pur per pochi mesi, poteva vantarsi di essere il telefono più potente del mondo. Questo è un passo avanti notevole se pensiamo al passato del produttore, Ascend P7/Mate 7, con Kirin 920, praticamente erano piantati rispetto alla concorrenza e P8/Mate S, Kirin 930/935, andavano a pedali in confronto. Con il nuovo HiSilicon Kirin 950/955 invece Huawei ha dato una decisa accelerata sul fronte della potenza bruta inglobando all’interno del suo SOC i migliori processori presenti sul mercato.

Recensione Honor V8Il Kirin 955 a bordo di Honor V8 è un piccolo mostro di potenza, se pur con una pecca di cui parleremo dopo, grazie principalmente agli ottimi 4 Core Cortex A72 accompagnati da 4 Cortex A53. I Cortex A72 sono la diretta evoluzione(o dovremmo dire rivoluzione?) dei Cortex A57 dell’anno scorso e sono in grado di erogare tanta di quella potenza da far paura.

Il risultato è un telefono che letteralmente vola! La stessa sensazione che abbiamo provato con Mate 8, e purtroppo non con P9, è proprio quella di avere tra le mani un vero e proprio fulmine. Honor V8 se la gioca con Lg G5 ( Qui la nostra recensione) in quanto a fluidità, personalmente passo interi minuti a perdermi solo girando la Home da quanto sia fluido questo telefono.
La sensazione che da Honor V8 è unica, una volta “tappata” l’icona di un applicazione questa si aprirà in maniera istantanea, sia essa o meno caricata in ram, e tutto il resto potrebbe sembrare addirittura lento al confronto, complimenti davvero Huawei!

Recensione Honor V8Passiamo ora ai lati negativi, per la precisione AL lato negativo, il Kirin 950 infatti, come tutti i processori passati di Huawei, pecca veramente tantissimo sotto il profilo della GPU. Se Huawei è stata coraggiosa osando una parte CPU potentissima lo stesso, purtroppo, non possiamo dire della parte GPU, a bordo di Honor V8 troviamo infatti la nuova ARM Mali-T880 in configurazione MP4. La GPU di per se non sarebbe malvagia ma “soli” 4 core sono veramente pochissimi se pensiamo che un mostro come il Galaxy S7 ha la stessa GPU ma in configurazione MP12, ben 3 volte più potente.

Questo non pregiudica l’utilizzo giornaliero e nemmeno i giochi pesanti ma è davvero un peccato che Huawei non si decida ad osare qualcosa di più in campo grafico.
Per i più appassionati vi lasciamo come sempre i nostri benchmark.

  • Antutu Benchmark : 92584
  • Geekbench Single Core : 1700
  • Geekbench Multi Core : 6492
  • Basemark OS II : 1970

snapvsexy

Software e UI

Così come tanti altri produttori maggiori Huawei sceglie di personalizzare al massimo la sua esperienza Android, la base di tutto è Android 6.0.1 MarshMallow trasformato in EMUI 4.1. La UI è molto completa, comprende dai più semplici software gestionali spaziando poi per gesture di varia natura e personalizzazioni abbondanti.

photo_2016-01-18_11-16-37 photo_2016-01-18_11-16-29 photo_2016-01-18_11-16-31
Da segnalare la presenza di uno store pressocchè infinito di Temi per personalizzare al meglio la vostra Home, i temi cambiano sfondo, pacchetto icone e gradienti della UI, ne troverete per tutti i gusti e selezionabili dal comodo store di Huawei, basterà creare un account Huawei ID per scaricare a piacimento qualsiasi cosa troverete nello store.

photo_2016-01-18_11-16-41 photo_2016-01-18_11-16-45 photo_2016-01-18_11-16-49
Come dicevamo prima la personalizzazione di Huawei offre un sacco di possibilità, viste le dimensioni del terminale potreste trovare comoda la presenza della modalità ad una mano che si attiva semplicemente passando il dito sulla barra di navigazione ma non solo, Huawei offre anche gesture varie come la possibilità di girare fisicamente il dispositivo per silenziare suoneria o sveglia.

Per quanto riguarda invece la tendina delle notifiche Huawei sceglie di rimanere ancorata ai dettami di Android KitKat e troverete quindi le impostazioni veloci nella parte della della tendina.

photo_2016-01-18_11-55-10
Parlando invece dell’uso quotidiano il software si muove bene anche se alcune cose sono forse un poco macchinose da trovare e da fare, alcune addirittura sono peggiorate mancando totalmente di immediatezza, ma la velocità non manca, sia la home che le applicazioni sfrutteranno bene la potenza del processore senza mai, e ripetiamo mai, darvi problemi, crash o lag di sorta.

Huawei ha lavorato molto per migliorare la sua EMUI negli anni, ma purtroppo manca sempre quel qualcosa in più che mi faccia sentire “a casa” usando un prodotto di questo produttore. La UI ha possibilità infinite ma alla lunga potrebbe stancare il fatto di dover fare 5 passaggi per fare anche le cose più semplici, speriamo che la prossima EMUI 5 cambi qualcosa da questo punto di vista.

Multimedia e Fotocamera

Visto quanto fatto con Huawei P9 e contando che storicamente gli Honor sono “Huawei Px” rivisti e corretti, non stupisce che ci ritroviamo di fronte alla stessa doppia fotocamera del fratello “di marca”. Honor non è la prima volta che utilizza una camera doppia, ricordiamo infatti Honor 6+ che utilizzava una soluzione simile anche se non proprio identica.

Recensione Honor V8Honor V8 dispone di una doppia fotocamera da 12 Megapixel, una RGB e l’altra in bianco e nero. Molto buone le funzioni tra cui la possibilità di scattare a schermo spento premendo 2 volte i tasti volume, ottimo per fare scatti al volo in situazioni dove non avevamo in mente di fare foto. Funzioni complete e tante altre divertenti accompagneranno i vostri scatti che, davvero, vi potrebbero lasciare a bocca aperta.

Lo switch fra fotocamera RGB e B&W è pressochè istantaneo ed è dannatamente divertente andare a vedere tutte le possibilità che ci offre questo telefono.

Recensione Honor V8
Parlando di audio Honor V8 è un piccolo mostro anche in questo frangente riuscendo a giocarsela con tutti i terminali provati fino ad oggi per potenza e qualità dell’audio riprodotto dalla cassa altoparlante, carico e pulito oltre che potentissimo. Il lettore musicale integrato nel sistema è molto semplice da usare anche se forse c’è ancora da lavorare un pochino per quanto riguarda le funzioni, non avremo infatti modo di settare a nostro piacimento eventuali equalizzatori od opzioni particolari, nonostante tutto è davvero ben fatto ed offre una serie di chicche interessanti oltre che una UI piacevolissima.

Ricezione e Parte Telefonica

Huawei è diventata negli anni sinonimo di Telefono con la T maiuscola, il produttore Cinese è letteralmente un colosso in campo antenne e ci si aspetta ormai il meglio dai suoi prodotti. Honor V8 eredita tutta la qualità della casa madre e non abbiamo molto da dire se non parole di elogio. L’applicazione telefonica è fra le migliori mai viste e la ricezione è, insieme all’audio, fra le vette degli ultimi anni in tutte le nostre prove. Honor V8, complici anche le dimensioni, prende praticamente ovunque, anche in quelle zone chiamate amichevolmente “Bunker anti-atomici”  difficilmente il Phablet rimarrà senza linea e anche in casi estremi con pochissima ricezione non perderete nessuna notifica e sopratutto riuscirete a telefonare.

Recensione Honor V8L’audio in capsula è praticamente perfetto, raramente lo dovrete tenere al massimo perchè rischierete di sfondarvi un orecchio per quanta potenza riesce a sprigionare,un audio così buono si sente raramente su uno smartphone moderno e sembra di tornare indietro a qualche anno fa quando la priorità dei produttori era appunto fare prima di tutto un buon cellulare.

Autonomia

Huawei Mate 8 ci stupì positivamente in campo autonomia, nonostante l’enorme schermo da 6″ i suoi generosissimi 4000 mAh di batteria riuscivano a garantirgli autonomie da record, saprà Honor V8 essere all’altezza?
Il rapporto mAh/schermo pende a favore(di poco) per Mate 8, parliamo sempre del Phablet Huawei perchè è il nostro unico metro di paragone per descrivere V8 viste le dimensioni simili.

Recensione Honor V8Cosa dire quindi di questo terminale? L’autonomia nonostante le premesse è buona ma non eccellente come quella del Mate, un vero peccato perchè sarebbe stata la ciliegina sulla torta, una torta che fino ad ora ci stava piacendo davvero molto.
Con un uso intenso abbiamo toccato la 4 ore e mezzo di display in una giornata molto carica arrivando tranquillamente a sera, purtroppo le 6 ore di Mate 8 sono lontane e speriamo che future release software possano aumentare questo dato.

Considerazioni finali

Siamo giunti alla conclusione di questa recensione, un viaggio alla scoperta di un prodotto che potremmo definire “l’anello mancante” della gamma di Huawei. Perchè parliamo di anello mancante? Semplicemente perchè fra l’ottimo Huawei P9 ed il meraviglioso Mate 8 non c’era praticamente niente in mezzo con la stessa qualità. Honor V8 si inserisce quindi perfettamente fra i 5.2″ di P9 ed i 6″ di Mate 8 con i suoi 5.7″ di display.

In definitiva abbiamo un Mate 8 in miniatura, un ottimo telefono che si becca un voto altissimo, voto che purtroppo è abbassato dall’autonomia, non che sia pessima in senso assoluto ma viste le premesse ci saremmo aspettati decisamente di più.

Recensione Honor V8Complimenti comunque a Huawei per aver costruito un ottimo dispositivo che non rovina minimamente il buon nome e la buona tradizione iniziata con Honor 3 nel lontano 2013, se Huawei P9 vi sembra troppo piccolo e Mate 8 vi sembra troppo grosso avete trovato il vostro telefono, Honor V8 sicuramente potrà stupirvi e farvi risparmiare molto con il suo ottimo rapporto qualità/prezzo!

 

Ringraziamo come sempre Grossoshop.net per averci fornito il materiale per scrivere questa review!

 

 

Scritto da

Definito Lo Nerd fino dalla tenerà Età, negli anni ho fatto della mia passione un lavoro, la tecnologia è tutto il mio mondo e proprio da questo nasce PianetaSmart.it Google+

Potrebbero interessarti....